Comptoir des Cotonniers lancia il Fast Shopping: l'acquisto si fa open air con un clic

Trasformare l'intera città in luogo d'acquisto, creando un dialogo con le consumatrici attraverso la campagna riprodotta sui manifesti, su una pensilina, una shopper, in una sala d'attesa, su un tavolino di un bar: questa l'idea della francese Comptoir des Cotonniers, che a partire da oggi, 28 maggio, lancia il progetto Fast Shopping. A breve anche in Italia.

 

Un'iniziativa innovativa che migliora il tempo a disposizione delle donne, poiché davanti a qualsiasi campagna del marchio le potenziali clienti possono prendere il proprio smartphone, fotografare il prodotto in questione e pagarlo con un semplice clic. Altrettanto veloce la consegna: entro 48 ore.

 

Con il Fast Shopping qualsiasi luogo può diventare un negozio grazie all'applicazionePowaTag (scaricabile in tre minuti, assicurano dall'azienda) che integra tutte le tecnologie presenti sul mercato per l'identificazione dei prodotti (codice QR, tag audio, video, codici a barre), con la funzione rapidissima di pagamento via mobile, disponibile previa registrazione.

 

Si parte con la Francia, per proseguire successivamente con gli altri Paesi europei. Da oggi, 28 maggio, al 6 giugno migliaia di manifesti invaderanno Parigi (il percorso inizia agli Champs Elysées, al Drugstore Publicis) e tutto il territorio francese. Boutique Fast Shopping apriranno anche sul web, sulla stampa che si occupa di moda femminile e addirittura sulle vetture Uber. In totale più di 10mila manifesti, trasformati in inediti lasciapassare per lo shopping.

 

Un progetto a cui la realtà francese tiene molto: «Si tratta di una vera e propria rivoluzione nel mondo del retail e del marketing, nonché dei manifesti pubblicitari presenti nelle città, che si trasformano in distributori. Come tante altre innovazioni digitali, questa cambierà il nostro universo», ha commentato Valérie Dassier, direttore e-commerce, Crm & Servizio Clienti Comptoir des Cotonniers e direttore marketing Princesse Tam. Tam.

 

«L'idea di trasformare i media, così come qualsiasi altra occasione di attesa durante la nostra vita, in una proposta di luogo d'acquisto - ha aggiunto Nicolas Bertrand, direttore comunicazione - mi è sembrata un'ulteriore prova che consente di ottimizzare la nostra vita al 100%».

 

Cinque i partner dell'iniziativa, che nei prossimi mesi arriverà anche in Italia: oltre a Powatag, JCDecauxSfr Régie, Uber e l'agenzia Marcel.